News

Agevolazioni fiscali

’agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia è disciplinata dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 e consiste in una detrazione dall’Irpef del 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare.

Tuttavia, per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2020 è possibile usufruire di una detrazione più elevata (50%) e il limite massimo di spesa è di 96.000 euro.

La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

È prevista, inoltre, una detrazione Irpef, entro l’importo massimo di 96.000 euro, anche per chi acquista fabbricati a uso abitativo ristrutturati.
In particolare, la detrazione spetta nel caso di interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedano entro 18 mesi dalla data di termine dei lavori alla successiva alienazione o assegnazione dell'immobile.
Indipendentemente dal valore degli interventi eseguiti, l’acquirente o l’assegnatario dell’immobile deve comunque calcolare la detrazione su un importo forfetario, pari al 25% del prezzo di vendita o di assegnazione dell’abitazione (comprensivo di Iva). Anche questa detrazione va ripartita in 10 rate annuali di pari importo.

Scarica qui la guida gratis! 

GuidaGuida [4.378 Kb]

Commenti e domande

Hai dei dubbi su come gestire i tuoi interni?

Qualche esigenza particolare che non hai saputo soddisfare consultando le offerte normali?

Non esitare a chiedere. Il continuo confronto con le esigenze, i commenti e i dubbi del cliente ci permette di crescere giorno dopo giorno e perfezionare ancora di più  le nostre offerte e soluzioni. Consulta il nostro personale per un confronto di idee che porterà a soddisfacenti soluzioni personalizzate.

PERGOLA E TETTOIA: QUANDO LA PRATICA EDILIZIA?

La diversità srutturale tra la pergola e la tettoia è di non poco conto in quanto diventa fondante rispetto ai titoli abilitativi: infatti mentre la realizzazione di una tettoia richiede un permesso di costruire, lo stesso non avviene per il pergolato.

Questo perchè mentre il pergolato è una struttura leggera permeabile, idonea a sostenere piante rampicanti per costuituire una funzione ombreggiante senza chiusure laterali, la tettoia è una struttura chiusa ed impermeabile che costituisce riparo e aumenta l'abitabilità dell'immobile.

Oggi esistono diverse soluzioni alternative che vanno di volta in volta analizzati in base al caso specifico e che possono offrire la soluzione più adatte alla più svariate esigemze.